Passatempi per ragazzi: idee e suggerimenti per rendere piacevoli anche i viaggi più lunghi

By aprile 18, 2012 In famiglia No Comments

Hai programmato un viaggio in auto con il tuo bambino? Il primo pensiero di noi mamme, spesso, è focalizzato su come tenere i piccoli tranquilli ed evitare che rendano il tragitto  un vero inferno…

Per rendere il viaggio più piacevole, puoi proporre al tuo bambino alcuni di questi passatempi per giocare in maniera piacevole con il resto della famiglia.

– Il primo che vede

Un classico giochino per iniziare: ognuno dei partecipanti scommette su una cosa diversa che potrà vedere lungo il viaggio (una mucca, un aereo, una macchina gialla, …). Vince il primo che avvista un oggetto della categoria scelta. Questo gioco può continuare quanto vuoi, con la possibilità di cambiare le varie categorie e renderlo sempre più stimolante.

– Cantiamo tutti insieme

Il canto aiuta a far trascorrere il tempo in allegria. Si possono cantare le canzoni imparate a scuola, le sigle dei cartoni, le canzoni preferite dei tuoi figli. E perché no, si può anche rispolverare insieme le vecchie canzoni che hanno fatto la storia della canzone italiana: “Pippo non lo sa”, “Le mille bolle blu”, “Papaveri e Papere”, “La casetta in Canada”, … Con i bambini più piccoli il divertimento è assicurato! E con i più grandi? Prima di partire, imparate qualche canzone del loro cantante preferito e riuscirete a coinvolgere anche loro 😉

– C’ero anch’io!

Inizi a raccontare una storia e gli altri possono interromperti dicendo “C’ero anch’io” e aggiungere qualche particolare o un nuovo sviluppo. Poi la storia riprende, tenendo in considerazione gli elementi aggiunti, e via così, di narratore in narratore.

– Scopri il personaggio

Un giocatore pensa a un personaggio dei cartoni animati o delle favole o comunque a uno che tutti conoscono. A turno ognuno può fare una domanda cui si risponde solo sì o no: “È un animale?”, “Ha degli amici?”, “E’ uno sportivo?” ecc.
Vince chi indovina per primo.

bambini-viaggi-in-auto

– Le strane targhe

Si guarda la targa della macchina davanti e partendo dall’ultima lettera della targa, si pensano tutti gli animali o gli oggetti o le cose che iniziano con quella lettera. Ad esempio: G… gatto (o gondola), D… delfino (o dado) ecc.
Si procede in ordine orario o anti-orario o in ordine di età o come preferite .
Vince chi trova più parole per quella lettera, senza ripetere parole già dette da altri.

– Tombola delle auto 

Se hai la possibilità di preparare già a casa dei giochi per il viaggio: disegna delle cartelline come quelle della tombola. Al posto dei numeri, disegna alcune auto, camion o moto sempre diversi (auto con roulotte, camion verde, autobus blu, …). In viaggio distribuisci le cartelline alla famiglia – a tutti tranne che all’autista, naturalmente!
Ognuno segnerà sulla propria cartella gli “avvistamenti” e vincerà chi fa tombola per primo. Unico inconveniente? Difficile verificare gli avvistamenti dichiarati da chi fa “Tombola” 😉 e il possibile “mal di macchina”!

– Gioco di memoria

Un altro gioco che si può fare con l´alfabeto è di stabilire l’ordine di partenza e iniziare dicendo una parola che inizia con la A, per esempio “auto”. Il secondo giocatore dovrà ripetere la parola con la A e dirne un´altra che inizia per B e così via fino a dire parole sufficienti a completare tutto l´alfabeto.
Nota positiva: il gioco dura abbastanza a lungo e per i bambini sarà molto divertente.

– Giochi per contare

Sono destinati ai più piccoli e sono giochi in cui si contano le cose che si vedono fuori dal finestrino.
Sfidali a contare i camion rossi, le macchine con una roulotte, le auto come la vostra e tutto quello che possa interessarli. Se i bambini sanno già fare le addizioni potete variare il gioco, chiedendogli di fare la somma dei numeri della targa dell´auto che vi precede, oppure una moltiplicazione, adattando la difficoltà al livello di conoscenza dei vostri bimbi.

 

Questi sono solo alcuni suggerimenti per alleggerire i tuoi viaggi in famiglia ma, come sempre, il tocco vincente puoi trovarlo semplicemente osservando il tuo bambino e personalizzando i giochi seguendo i suoi gusti.